La vera storia del MYO e D-Chiro 40:1

Introduzione

Tra i quesiti che interessano maggiormente il dibattito scientifico sugli inositoli c’è con ogni probabilità quello relativo a: “Myo-inositolo, D-chiro-inositolo o entrambi per la PCOS?”

È bene che la risposta a questa domanda venga dalla scienza e dalle evidenze cliniche.
Sono i differenti ruoli che myo e d-chiro-inositolo svolgono a livello dell’organismo a dettare quale sia la strada più indicata da seguire.

In questa pagina In questa pagina raccontiamo la vera storia della ricerca scientifica sugli inositoli e spieghiamo perché e in quali casi la combinazione di myo-inositolo e d-chiro-inositolo nel rapporto 40:1 è la scelta più indicata per le donne PCOS.

40:1 un punto di arrivo

Lungo la storia dell’impiego degli inositoli nella pratica clinica, la formula terapeutica combinata di myo e d-chiro-inositolo nel rapporto 40:1 rappresenta un punto di arrivo importante di una ricerca scientifica che muove i suoi primi passi già nella seconda metà del 1900, quando l’attenzione dei ricercatori si è focalizzata sempre di più sugli inositoli.

Il ruolo dell’inositolo nel trattamento della PCOS

Negli ultimi anni, un numero sempre maggiore di studi si è concentrato sulla capacità degli inositoli, in particolar modo del myo-inositolo e del D-chiro-inositolo, di migliorare l’ovulazione e la fertilità delle donne PCOS.

 

Per approfondire leggi: Inositoli e PCOS

I dati clinici hanno dimostrato che myo e d-chiro hanno un effetto insulino-sensibilizzante. È quindi ormai indubbio che entrambi gli inositoli svolgano funzioni indispensabili per l’organismo.

Ma allora, perché 40:1? La risposta va rintracciata non nelle similitudini, bensì nelle differenze tra myo e d-chiro inositolo.

Myo e d-chiro: inositoli a confronto

Già nel 1988, lo scienziato Larner intuiva per primo che il myo-inositolo e il D-chiro inositolo erano due diversi mediatori chimici dell’insulina.

Benché molto simili, le funzioni dei due isomeri sono infatti diverse.

Riassumendo:

  • il myo-inositolo aumenta l’uptake cellulare del glucosio ed è coinvolto nell’attività dell’FSH [1];
  • invece, il D-chiro-inositolo è cruciale per la sintesi del glicogeno e partecipa nella produzione degli androgeni a livello ovarico [1];
  • il D-chiro-inositolo si trova ad alte concentrazioni nei tessuti che immagazzinano glicogeno: grasso, fegato e muscoli;
  • invece, il myo-inositolo è maggiore nei tessuti che hanno bisogno di energia: cuore, cervello, ovaie e nel fluido follicolare nella donna,  testicoli e liquido seminale nell’uomo;
  • Il rapporto fisiologico myo/D-chiro e le quantità relative di ciascuno stereoisomero variano da tessuto a tessuto. In altre parole, il rapporto myo e D-chiro è “tessuto-specifico”.
    Tale differenza è tutt’altro che banale, perché riflette esattamente il differente ruolo fisiologico dei due inositoli [2] [3].

Il rapporto myo e D-chiro è “tessuto-specifico”, riflettendo il differente ruolo fisiologico dei due inositoli.

Per approfondire ti consigliamo: La differenza tra inositolo, Myo-inositolo e D-Chiro-inositolo

Il paradosso ovarico nella PCOS

Abbiamo detto che nelle donne sane, il fluido follicolare è ricco di myo-inositolo.

Evidenze scientifiche hanno dimostrato che nelle donne PCOS, invece, l’ovaio è ricco di d-chiro. Come si spiega questo squilibrio?

Per rispondere a questa domanda è necessario introdurre il ruolo di un enzima, l’epimerasi: questo enzima dipende dall’ormone insulina ed è responsabile della conversione del myo-inositolo in d-chiro-inositolo.

Nelle donne PCOS, in presenza di iperinsulinemia, l’attività dell’epimerasi è accelerata, causando un’eccessiva conversione di myo in D-chiro [4].

L’ovaio, a differenza degli altri organi, non è mai insulino resistente e, nella donna PCOS, diventa ricco di d-chiro inositolo. La carenza di myo provoca un effetto negativo sul segnale dell’FSH (ormone follicolo stimolante) e sulla qualità ovocitaria [4].

Per approfondire il “paradosso del d-chiro nella PCOS” leggi anche: D-chiro-inositolo: cos’è, impiego e benefici.

Myo e D-chiro 40:1: una questione di equilibrio

È proprio l’intuizione sul paradosso ovarico, e i differenti ruoli che svolgono myo e d-chiro, che ha portato l’attenzione di un gruppo di studiosi e ricercatori italiani a focalizzarsi sull’importanza di una corretta integrazione di Myo e D-chiro inositolo, che tenesse conto della necessità di colmare lo squilibrio, e riportare anche a livello ovarico il giusto rapporto tra Myo e D-chiro.

Ma qual è il dosaggio ottimale per poter sfruttare l’efficacia del d-chiro-inositolo senza compromettere la funzionalità ovarica?

Considerando il rapporto specifico tra Myo e D-chiro inositolo e i differenti ruoli fisiologici dei due inositoli, la terapia orale combinata di Myo e D-chiro inositolo nel rapporto 40:1 (il rapporto fisiologico nel sangue) è stata proposta come trattamento alternativo ed efficace per le donne PCOS [5].

Myo e D-chiro 40:1: i benefici sull’iperandrogenismo

L’eccesso di androgeni nella PCOS può essere spiegato attraverso due meccanismi:

  1. l’insulino-resistenza;
  2. lo squilibrio del rapporto tra myo e D-chiro nell’ovaio.

È per questo motivo che un numero sempre maggiore di studi si è concentrato sul valutare la combinazione dei due inositoli come trattamento per la PCOS. Tra i diversi rapporti MI/DCI che sono stati testati, diversi studi concludono che proprio la combinazione di myo e D-chiro 40:1 sembra essere la migliore scelta per i risultati sul profilo endocrinologico delle donne PCOS sovrappeso o obese (BMI>25) [6].

La combinazione di myo e D-chiro 40:1 sembra essere la migliore scelta per i risultati sul profilo endocrinologico delle donne PCOS obese.

40:1 e i benefici su ovulazione e fertilità

L’International Consesus Conference di Firenze sull’uso di myo e D-chiro in ostetricia e ginecologia ha affermato gli effetti benefici sulla qualità ovocitaria e ovarica del rapporto plasmatico 40:1 [7]. Anche Colazingari nel suo studio [8] ha dimostrato i vantaggi del rapporto combinato 40:1 per la qualità ovocitaria rispetto al solo d-chiro inositolo.

40:1 e i benefici sulla morfologia dell’ovaio policistico

Nelle donne PCOS, oltre all’eccessiva conversione di myo in D-chiro e alla carenza di myo nei follicoli [1], è stata altresì riscontrata una correlazione positiva tra volume del fluido follicolare, myo inositolo e la presenza di ovociti maturi.

È stato dimostrato che la somministrazione di d-chiro-inositolo da solo, ad alte dosi, diminuisce la qualità ovocitaria e la risposta ovarica [9]. Al contrario, i migliori risultati sono stati ottenuti con la combinazione di Myo e d-chiro [10].

Un sorprendente studio su modello murino mostra come il trattamento della PCOS con Myo D-chiro 40:1 ha permesso alle ovaie di ritornare alle proprie caratteristiche istologiche e di ripristinare la fertilità [11].

40:1 e i benefici sul profilo metabolico

L’insulino-resistenza e la conseguente iperinsulinemia compensatoria sono disfunzioni frequenti nelle donne PCOS, indipendentemente dal peso corporeo, ma con una prevalenza in associazione all’obesità.

Questa è un campanello d’allarme per il rischio cardiovascolare e lo sviluppo di altre patologie gravi, tra cui diabete di tipo 2, ipertensione e sindrome metabolica [12].

Studi hanno dimostrato come la terapia di Myo/D-chiro 40:1 ha migliorato i livelli di LDL, HDL e TG (trigliceridi), riducendo anche i livelli di insulina a digiuno e di insulina circolante.

Per approfondire leggi anche: Inositoli nel sovrappeso e obesità

Fonti

[1] Nestler, J.E.; Unfer, V. Reflections on Inositol(s) for PCOS Therapy: Steps toward Success. Gynecol. Endocrinol. 2015, 31, 501–505;

[2] Facchinetti, F.; Orrù, B.; Grandi, G.; Unfer, V. Short-Term Effects of Metformin and Myo-Inositol in Women with Polycystic Ovarian Syndrome (PCOS): A Meta-Analysis of Randomized Clinical Trials. Facchinetti F, Orrù B, Grandi G1, Unfer V3. Gynecol. Endocrinol. 2019, 35, 198–206

[3] Laganà, A.S.; Rossetti, P.; Buscema, M.; La Vignera, S.; Condorelli, R.A.; Gullo, G.; Granese, R.; Triolo, O. Metabolism and Ovarian Function in PCOSWomen: ATherapeutic Approach with Inositols. Int. J. Endocrinol. 2016, 2016, 6306410.

[4] Unfer V, Carlomagno G, Papaleo E, Vailati S, Candiani M, Baillargeon JP. Hyperinsulinemia Alters Myoinositol to d-chiroinositol Ratio in the Follicular Fluid of Patients With PCOS. Reprod Sci. 2014;21(7):854-8.

[5] Unfer, V.; Facchinetti, F.; Orrù, B.; Giordani, B.; Nestler, J. Myo-Inositol Effects in Women with PCOS: A Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials. Endocr. Connect. 2017, 6, 647–658.

[6] Benelli, E.; Del Ghianda, S.; Di Cosmo, C.; Tonacchera, M. A Combined Therapy with Myo-Inositol and D-Chiro-Inositol Improves Endocrine Parameters and Insulin Resistance in PCOS Young Overweight Women. Int. J. Endocrinol. 2016, 2016, 3204083

[7] Bevilacqua, A.; Carlomagno, G.; Gerli, S.; Oliva, M.M.; Devroey, P.; Lanzone, A.; Soulange, C.; Facchinetti, F.; Di Renzo, G.C.; Bizzarri, M.; et al. Results from the International Consensus Conference on Myo-Inositol and D-Chiro-Inositol in Obstetrics and Gynecology-Assisted Reproduction Technology. Gynecol. Endocrinol. 2015, 31, 441–446.

[8] Colazingari, S.; Treglia, M.; Najjar, R.; Bevilacqua, A. The Combined Therapy Myo-Inositol plus D-Chiro-Inositol, Rather than D-Chiro-Inositol, Is Able to Improve IVF Outcomes: Results froma Randomized Controlled Trial. Arch. Gynecol. Obstet. 2013, 288, 1405–1411.

[9] Ravanos K, Monastra G, Pavlidou T, Goudakou M, Prapas N. Can high levels of D-chiro-inositol in follicular fluid exert detrimental effects on blastocyst quality? European review for medical and pharmacological sciences. 2017;21(23):5491-8.

[10] Dinicola, S.; Chiu, T.T.Y.; Unfer, V.; Carlomagno, G.; Bizzarri, M. The Rationale of the Myo-Inositol and D-Chiro-Inositol Combined Treatment for Polycystic Ovary Syndrome. J. Clin. Pharmacol. 2014, 54, 1079–1092

[11] Bevilacqua, A.; Dragotto, J.; Giuliani, A.; Bizzarri, M. Myo-Inositol and D-Chiro-Inositol (40:1) Reverse Histological and Functional Features of Polycystic Ovary Syndrome in a Mouse Model. J. Cell. Physiol. 2019, 234, 9387–9398.

[12] Diamanti-Kandarakis, E.; Dunaif, A. Insulin Resistance and the Polycystic Ovary Syndrome Revisited: An Update on Mechanisms and Implications. Endocr. Rev. 2012, 33, 981–1030.

SCARICA LA STORIA DEL MYO E D-CHIRO 40:1

Questo articolo ti è stato utile?

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Myo-inositolo

D-chiro-inositolo

Alfa-lattoalbumina

PCOS

Sovrappeso

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close